Per te io sono indipendentista/For you I am an independentist

dedo

Els responsables del grup de Facebook L’INDIPENDENTISMO NEL MONDO han traduït el meu darrer text a l’italià i a l’anglès. No sóc capaç d’explicar-vos la il·lusió que m’ha fet. A continuació, teniu les dues traduccions.

È la prepotenza. È la spavalderia. È l’autoritarismo. È l’aggressività. È l’insulto. È il disprezzo. È questo atteggiamento di prevaricazione che guarda dall’alto in basso. È la forza dei magnaccia delle discoteche e dei teppisti da stadio. È la patetica incapacità di accettare o di negoziare. È l’assoluta mancanza di intelligenza emotiva e sociale. È imperialismo codificato nel DNA. È la completa colonizzazione.

È anche il paternalismo castrante. È una specie di sfida alla gravità per essere al di sopra del giudizio. È il rovesciamento della colpa. È la negazione di una nevrosi collettiva. È la paura dell’ignoto. È la secolare incapacità di accettare e valorizzare la diversità. È l’ignoranza come stile di vita. È la negazione come forma di attivismo.

È lo strano passatempo di dividere tutto tra bene e male. È il malsano tentativo di nascondere la complessità. È la censura. È la menzogna. È il travisamento. È il manicheismo. È la demagogia mascherata da ideologia.

Sei tu. Alla fine, si tratta di te. Tu che credi di sapere più di noi sulla nostra storia. Tu che dividi. Tu che tagli le gambe. Tu che susciti indignazione. Tu che parli come se avessi ingurgitato un milione di manuali da autodidatta. Tu in tutta la tua pomposità. Tu e il tuo «guarda la tua carta di identità». Tu e il tuo «parla in Spagnolo ché siamo in Spagna». Tu e la tua xenofobia. Tu che manipoli parole, cifre, sondaggi, opinioni, fatti e tutto ciò che è contro le tue convinzioni. Tu e l’infamia. Tu e l’ignominia. Tu e il tuo cinismo. Tu e le tue bugie.

Invece, per te io sono indipendentista.


It is arrogance. It is swagger. It is authoritarianism. It is aggression. It is insult. It is contempt. It is this attitude of prevarication that looks down. It is the power of disco pimps and football thugs. It’s the pathetic inability to accept or negotiate. It is the absolute lack of social and emotional intelligence. It is Imperialism encoded in the DNA. It is the complete colonization.

It is also the castrating paternalism. It is a kind of defiance of gravity to be above the judgment. It is the overthrow of the blame. It is the negation of a collective neurosis. It is the fear of the unknown. It is the age-old inability to accept and value diversity. It’s ignorance as a lifestyle. It is the negation as a form of activism.

It is the strange hobby to share everything between good and evil. It is unhealthy attempt to hide the complexity. It is censorship. It is lies. It is misrepresentation. It is Manichaeism. It is demagoguery masquerad as ideology.

It is you. In the end, it comes to you. You who think you know more than us about our history. You who divide. You who cuts the legs. You who arouses indignation. You who speak as if I had swallowed a million manuals by himself. You throughout your pomposity. You and your “look at your ID card.” You and your “speak in Spanish because we are in Spain.” You and your xenophobia. You who manipulates words, figures, surveys, opinions, facts and everything that is against your beliefs. You and infamy. You and ignominy. You and your cynicism. You and your lies.

Instead, for you I am an independentist.

Em pots seguir al Twitter @blogsocietat i també al Facebook

Advertisements